Come realizzare un fotolibro

Grazie ai tanti dispositivi elettronici che tutti abbiamo in tasca, al giorno d'oggi ormai chiunque scatta fotografie, in ogni situazione. Si scattano foto a noi stessi, agli amici, ai posti che visitiamo, ai figli, e ben presto abbiamo così tante fotografie da non sapere (letteralmente) dove metterle, perché non abbiamo più spazio.

Molti le lasciano in formato digitale, magari aspettando che il dispositivo che le contiene si rompa e tutte le foto vengano perse inesorabilmente (cosa peraltro già successa a molte persone). Qualcuno, invece, opta per la stampa delle fotografie, ed uno dei metodi più innovativi per farlo è quello di creare un fotolibro come quelli prodotti dall'azienda Cewe.

La differenza tra le normali foto stampate e il fotolibro è abbastanza netta, anche se un fotolibro teoricamente si può fare anche da soli incollando le foto stampate (ma così si paga due volte, una per il libro e una per le foto).

Infatti un fotolibro è un libro le cui foto sono già stampate sulle pagine, che soprattutto funziona come un collage: ci sono le foto più rilevanti, magari panoramiche, che si vedono a tutta pagina e fanno da sfondo alle altre foto, mentre quelle dove compaiono meno persone o che fotografano un particolare possono essere stampate più piccole e in sovrimpressione.

In base al quantitativo di fotografie (che possono essere tantissime, perché in ogni coppia di pagine ne compariranno diverse) il libro potrà essere più o meno grande, fino a contenere più eventi o più momenti diversi, magari per mettere insieme le foto migliori scattate in diversi mesi o addirittura anni di vita, in un ricordo che rimarrà indelebile anche in futuro.

I fotolibri, poi, hanno anche un'altra utilità che va oltre a quella familiare e personale, insomma di inserimento delle fotografie della nostra vita: possono essere usati anche come portfolio, quindi mostrate in ambiti professionali durante colloqui o comunque incontri che riguardano la vita lavorativa.

Ad esempio, un cuoco che cucina piatti particolarmente belli da vedere, oppure un disegnatore, un pittore, un modello, una persona che si occupa di arredamento, un architetto, un designer… Sono tantissime le professioni dove si può utilizzare un sistema del genere per fare bella figura, e sicuramente vedere un professionista che porta a far vedere qualcosa di concreto piuttosto che mostrare un sito web o magari mostrare lavori salvati sul cellulare è una cosa molto diversa per chi deve affidarci un lavoro, peraltro lavori dove (come punto di partenza) l'immagine conta molto.

Insomma, nell'era tecnologica la carta stampata può sembrare qualcosa di obsoleto, ma in realtà non è affatto così, anzi: è un modo intelligente ed innovativo di conservare i nostri scatti, sia per noi stessi, come ricordi, sia per mostrarli ad altri in ambito personale (un matrimonio) o professionale.

Cewe, inoltre, si occupa anche di stampa delle fotografie personali anche su altri prodotti, come tazze, cover per smartphone, calendari, poster, biglietti di vario tipo e tanto altro ancora: insomma, se siete interessati a fare in modo che le vostre fotografie non rimangono una serie di bit ma che diventino, facciano vivere, qualcosa di concreto, questo è uno dei servizi più innovativi ed interessanti che si possono trovare online, al giorno d'oggi.

Da provare (anche perché molto economico) almeno una volta, per essere certi della qualità dei risultati finali.

Cosa aspettate quindi? Andate subito a creare il vostro fotolibro sul sito di fotolibro cewe.

Share this post:

Recent Posts

Comments are closed.